CREDITO D'IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI: INDICAZIONE IN FATTURA

07 ottobre 2020

Nella nostra circolare n. 06/AFG del 28 02 2020 avevamo sottolineato che per ottenere il beneficio fiscale:

* era obbligatoria la perizia o l’attestazione di conformità da parte di un perito, un ingegnere o una società accreditata, per i beni che superano € 300.000;

* le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati devono contenere l’espresso riferimento alle disposizioni dei commi da 184 a 194 l. n. 160/2019;

 

Visto che in relazione al secondo punto ( che prevede un’annotazione assurda) si è creato un vero e proprio caos, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta con le risposte a interpello n. 438 e n. 439 del 5 ottobre 2020, e ha fornito alcune indicazioni in merito al credito d'imposta per investimenti in beni strumentali.

 

Per primo ha confermato che  la fattura sprovvista del riferimento normativo non è considerata documentazione idonea e determina, quindi, in sede di controllo la revoca della quota corrispondente di agevolazione.

 

In sintesi l’Agenzia persiste nel ritenere l’annotazione obbligatoria e se questa annotazione non è stata inserita all’atto dell’emissione dal fornitore il cessionario ( acquirente ) deve:

nel caso di fatture cartaceeè riportare autonomamente la dicitura su ciascuna fattura, con “scrittura indelebile” o mediante “utilizzo di apposito timbro”.

 

Nel caso di fatture elettroniche è stampare copia cartacea della fattura, annotando su di essa, con “scritta indelebile”, il riferimento normativo e conservarlo ai sensi dell’art. 39 del DPR 633/72,

oppure procedere con un’integrazione elettronica da unire all’originale con invio all’SDI.

 

Dovrebbe comunque valere quanto nel frattempo indicato dal MISE ossia l’emissione della nota di credito elettronica e il successivo invio di fattura elettronica riportante la frase richiesta.

 

Pertanto per tutte le fatture di acquisto ( in proprietà e/o in leasing ) del 2020 è necessario procedere ad un controllo della presenza dell’annotazione e nel caso provvedere.

 

Chiaramente noi consigliamo l’annotazione con “scrittura indelebile” o mediante “utilizzo di apposito timbro” ,

 

Ricordiamoi che il credito di imposta è normalmente del 6 % e, ad esempio, su un acquisto di un bene strumentale per euro 10.000,00, la mancata annotazione comporta la   perdita di euro 600 di credito.

 

L’annotazione che si consiglia è la seguente:

 

“Beni agevolabili ai sensi dell’articolo 1, commi 184-194, Legge 160 del 27.12.2019”.

 

e andrà posta, a pena decadenza del beneficio del credito d’imposta, su tutte le fatture di acquisto ( cartacee o copia cartacea di fattura elettronica ) riportanti acquisti di beni strumentali nuovi.

 

        

 

 

 

 

 

Studio Aiassa - Dottori Commercialisti

 

Francesca,  Alessandro,  Gian Carlo  Aiassa 

Archivio news

 

News dello studio

gen16

16/01/2021

Acquisizione di beni strumentali – Scelta  - Agevolazioni – Beni materiali 4.0

Acquisizione di beni strumentali – Scelta - Agevolazioni – Beni materiali 4.0

 1 – L’acquisto di un bene strumentale va prioritariamente valutato specificatamente con criteri non fiscali ( se necessario, se ottimizza il lavoro, se si ripaga con maggiore fatturato,

dic30

30/12/2020

Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere

Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere

Venditore Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi. Bisognano, signore, almanacchi? Passeggere Almanacchi per l’anno nuovo? Venditore Si signore. Passeggere Credete che sarà felice

dic14

14/12/2020

Chiusura per festività natalizie e di fine anno

Chiusura per festività natalizie e di fine anno

Gli uffici saranno chiusi dal 24 dicembre 2020 sino al 6 di gennaio 2021 e riapriranno il 7 gennaio 2021. Si porge a tutti un augurio di salute e serenità Titolari e collaboratrici dello Studio

News

gen20

20/01/2021

Mini-proroghe per accertamento e riscossione: cosa devono fare i contribuenti

Sono sospesi i pagamenti in scadenza dall’8

gen18

18/01/2021

Fondo nuove competenze: come presentare domanda in MyANPAL

Aziende e intermediari delegati possono